Archive for Giugno, 2009

06 24th, 2009

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

 

Fin dalla sua prima apparizione più di 70 anni fa, Pippo è diventato uno dei personaggi più riconosciuti e amati del mondo dell’animazione. Ma come il suo predecessore Topolino, Pippo non è rimasto sempre lo stesso nel corso degli anni, subendo innumerevoli cambiamenti. Nel suo debutto del 1932 nel corto Mickey’s Revue, appariva per la prima volta col nome di Dippy Dawg (dawg ricorda dog, quindi dippy dawg = cane matto), anche se lo staff Disney lo indicava sempre come “The Goof” (lo stupido) e così non tardò molto a diventare definitivamente Goofy. Ma la trasformazione più sostanziale del nome riguarda la sua metamorfosi in George G. Geef, che rappresenta l’uomo qualunque, che deve far fronte allo stress del lavoro, dei bambini, del matrimonio e della vita in generale. Molti degli short di Pippo/George conservano lo spirito dei precedenti “how to”, a cambiare è solo la figura di Pippo come padre di famiglia

 
Pippo – La Collezione Completa comprende tutti i cortometraggi di Pippo (46) prodotti tra il 1939 e il 1961. Questi corti sono distribuiti su due dischi che, ahinoi, trovano alloggio in una misera amaray priva perfino di una slipcover. La mega-latta delle prime uscite aveva infastidito più di qualcuno, così per la terza ondata (Paperino 2 e Pluto) la Disney aveva intelligentemente ripiegato per delle eleganti steelbook, ma per qualche motivo ora si è scelto di uniformare la pregiata serie dei Treasures a tutti gli altri normali DVD. Come successo anche per Paperino 2 e Pluto, anche Pippo e gli altri due Treasures usciti contemporaneamente (Topolino in bianco e nero 1 e Oswald) sono sprovvisti della cartolina interna da collezione; nel caso di Pippo, questa avrebbe dovuto riprodurre la locandina originale di The Olympic Champ. Perlomeno rimane il libricino interno da 8 pagine che elenca i 46 corti, i contenuti speciali e fornisce delle informazioni su Pippo grazie alle parole di Leonard Maltin.

 

Pippo – La Collezione Completa è presentato interamente in 1,33:1 fullscreen. I 46 short sono stati tutti magnificamente restaurati, senza grana né alcuna imperfezione. I colori sono pieni e nitidi e la differenza rispetto allo stato in cui si trovavano precedentemente salta subito all’occhio quando nelle introduzioni e nei contenuti speciali vengono mostrati spezzoni non restaurati. Questi cartoon appaiono belli come non mai ed è difficile pensare che una futura riedizione possa apportare notevoli miglioramenti.
Anche l’audio è molto chiaro e fresco, senza alcuno sgradito disturbo. Per quanto riguarda l’italiano, c’è da segnalare che per Motormania e Two-Guns Goofy (Pippo Pistolero) sono stati usati i doppiaggi originali con Lauro Gazzolo (Anacleto), Luigi Pavese (col. Hathi) e Michele Malaspina (Bergen in Bongo e i tre avventurieri) nei rispettivi ruoli di Pippo, Gambadilegno e del narratore. I ridoppiaggi anni ’90 esistono, ma evidentemente è stato commesso un errore che ovviamente gradiamo con tutto il cuore! Incomprensibile, invece, la mancanza di audio italiano per Man’s Best Friend (Il migliore amico dell’uomo), che si può ascoltare solo in inglese con sottotitoli nel nostro idioma che partono in automatico: strano, perché il doppiaggio anni ’90 c’è ed è anche di buona fattura…

 

Il primo dei due contenuti speciali che si trovano sul disco 1 è The Essential Goof (6 min. ca.). La determinazione di Walt e del suo staff di conferire ai loro personaggi fascino e personalità per portarli quindi degnamente alla vita è ben nota. Art Babbitt, che aveva animato il Lupo Cattivo nei Tre Porcellini, aveva così tanto a cuore il personaggio di Pippo che diede una lezione agli animatori sul modo in cui bisognava occuparsi di Pippo, con dettagli precisi sulla personalità e il modo in cui guardava alla vita. Babbitt descriveva analiticamente anche i modi in cui approcciarsi all’animazione di Pippo. Qui troviamo un estratto di quella lezione.

 

Il secondo extra del disco 1 è una breve biografia dell’uomo che ha dato la sua inconfondibile voce a Pippo, vale a dire Pinto Colvig (5 min. ca.). Narrata da Leonard Maltin, la storia della vita di Pinto Colvig è presentata dai primi tempi in cui questi viaggiava per l’America come artista fino al suo arrivo ai Disney Studios nel 1930. Colvig lavorò come improvvisatore di gag e fu la voce di molti personaggi tra cui il porcellino saggio nei Tre Porcellini nonché Brontolo e Pisolo in Biancaneve e i sette nani. Si parla anche del suo allontanamento verso i Fleischer Studios di Miami che fu seguito dal suo ritorno in Disney nel 1941, dove restò come voce di Pippo fino alla pensione.

 

Il primo dei bonus del disco 2 è un’intervista a Bill Farmer (14 min. ca.), la voce attuale di Pippo. Leonard Maltin parla con Farmer della sua carriera e della sua propensione alle imitazioni di cui ci dà qualche assaggio. Farmer rivela che fu Michael Eisner ad insistere affinché questo e gli altri personaggi conservassero una voce familiare, e così si cercò la persona che meglio sapesse rievocare l’interpretazione originale di Colvig. Su centinaia di promettenti attori, fu scelto Bill Farmer.

 

Tre gallerie d’immagini. La prima ne contiene 37 che mostrano i manifesti originali a colori di vari corti di Pippo. Grave nota di demerito: 15 di queste immagini dovrebbero contenere dei commenti audio di Leonard Maltin e Bill Farmer come accade nell’edizione americana e come è effettivamente segnalato da un asterisco, ma in realtà tali commenti sono del tutto assenti. Avrebbero almeno potuto avere l’intelligenza di eliminare l’asterisco e la scritta “Denotes audio”…

Un’altra galleria è quella dei memorabilia, con 13 foto. Anche qui, 5 avrebbero dovuto avere un commento audio, ma… Queste immagini rappresentano vari articoli di merchandising di Pippo, che vanno dai fumetti ai dischi.

Infine c’è la galleria “Goofy Through the Years”, con un sottomenù da cui si possono selezionare 8 anni della carriera di Pippo. Abbiamo un totale di 172 immagini che comprendono disegni a matita, cels originali e sfondi. Ancora una volta, niente audio a differenza della versione statunitense…

 

I cortometraggi inclusi in questa raccolta sono tutti in versione integrale. Molti erano stati tagliati negli anni durante i quali la Disney voleva assicurarsi che nulla nelle sue pellicole potesse contenere messaggi anche lontanamente offensivi o dare cattivi esempi. In alcuni casi, corti come Californy ‘Er Bust (Ti sogno California) non si vedevano più da anni.

Alcuni potrebbero aver da ridire sul fatto che questo volume sia veramente “completo”. Mancano infatti How to Ride a Horse e El Gaucho Goofy: il primo era originariamente un segmento del lungometraggio Il Drago Recalcitrante (1941) e il secondo è un episodio di Saludos Amigos (1943), ma entrambi sono stati rieditati come cortometraggi. Dunque avrebbero potuto essere inclusi come extra così com’è accaduto per Topolino e il fagiolo magico nel primo volume dedicato a Topolino. Oltretutto i DVD di Saludos Amigos (al plurale perché in America esiste anche una seconda edizione) sono stati entrambi vittima della censura proprio nel cortometraggio con Pippo (è stata cancellata la sua sigaretta da cow-boy e addirittura eliminata una frase del narratore!). Altri due corti che ci avrebbe fatto piacere vedere sono Freewayphobia e Goofy’s Freeway Trouble del 1965. I due cortometraggi sono menzionati nell’introduzione da Leonard Maltin che sottolinea come si tratti di due “corti educativi”. Potrebbe essere questa la spiegazione per tale omissione: in quanto short educativi, potrebbero essere non tecnicamente riconosciuti alla stessa stregua degli altri corti standard di Pippo. Ciononostante, la loro assenza è assai deludente. Anche la featurette Sport Goofy in Soccermania (Pippo nel pallone, 1987) avrebbe potuto essere inclusa, considerando che Canto di Natale di Topolino (1983) e Il Principe e il Povero (1990) hanno trovato posto nel secondo volume di Topolino a colori….



06 19th, 2009

Topolino, Minnie, Paperino e Pippo accompagnano il pubblico in un emozionante viaggio nel mondo incantato di tre storie Disney senza tempo: Biancaneve, Cenerentola e la Bella e la Bestia.
Quando si apre il sipario sulla nuovissima produzione teatrale Disney Live! presenta Le più belle fiabe Disney, il pubblico viene trasportato in un’avventura incantata che ripercorre le appassionanti storie di Biancaneve e i Sette Nani; Cenerentola, e La Bella e la Bestia.
Topolino, Minnie, e oltre 25 personaggi, fanno la loro apparizione in questo spettacolo dal vivo che porta in scena i momenti più magici delle 3 storie in un’esperienza che si rivelerà indimenticabile per grandi e bambini.

Prodotto da Feld Entertainment e presentato in Italia da Applauso®, questa produzione vanta scenografie mozzafiato, una coreografia accattivante, meravigliosi effetti di luce e costumi da favola, creati appositamente per far vivere ad ogni famiglia l’entusiasmo e l’allegria delle fiabe Disney.

”Con personaggi Disney veri, brani famosi e un tuffo nel passato raccontato in queste magiche storie, Disney Live! presenta Le più belle fiabe Disney è una delle esperienze Disney più intense e profonde che siano mai state prodotte” spiega il produttore vincitore del Tony Award®, nonché presidente di Feld Entertainment, Kenneth Feld ”gli spettatori rimarranno incantati dalla qualità della rappresentazione e dalla vivacità di spirito delle tre amate principesse”.

Lo spettacolo ha inizio con Topolino, Minnie, Paperino e Pippo che si avventurano alla ricerca di un magico libro di fiabe nascosto nella casa di Topolino. I quattro amici voltano con curiosità ogni pagina per scoprire Biancaneve che raggiunge il suo amato, Cenerentola che si prepara per il ballo e Belle che trova la felicità nel luogo più impensato. Nel corso del racconto, il pubblico sarà coinvolto con alcune domande e potrà intonare canzoni indimenticabili come Bibbidi Bobbidi Boo, Heigh Ho e Stia con noi.

Questa produzione Disney Live! vanta il contributo di alcuni tra i maggiori talenti dell’intrattenimento dal vivo, i quali hanno accettato una sfida abbastanza insolita come quella di realizzare una storia che conquisti spettatori di diversi Paesi e che possa coinvolgere dai bambini più piccoli agli adulti. Il risultato, a detta del regista Sherilyn Draper è davvero da togliere il fiato.

Queste storie erano di per sé molto forti perché fondate su valori di portata universale come il coraggio, la fiducia in se stessi e l’amore, ha spiegato Draper. ”Volevamo raccontare queste favole con dettagli emozionanti e tanta fantasia, pur dovendo mantenere una certa semplicità e chiarezza di esposizione. Siamo certi che il pubblico non mancherà di apprezzare la cura che abbiamo posto in questa produzione riunendo tre magiche storie in un’unica spettacolare esperienza”.

”L’interattività dello spettacolo e il legame instaurato con il pubblico da queste stelle Disney sono una novità assoluta rispetto alle produzioni precedenti,” ha aggiunto il produttore Alan Feld, ”Il nostro obiettivo era creare uno spettacolo in grado di suscitare emozioni nuove e regalare un sorriso ricco di ottimismo alle mamme e ai papà, ai nonni e ai nipotini. Ci aspettiamo una reazione particolarmente partecipativa da parte del pubblico italiano che ama particolarmente Disney e che negli anni ha preso parte con entusiasmo agli spettacoli Disney live!

”Questa produzione è pensata in modo particolare per un pubblico di famiglie, per i bambini e per tutti quelli che conoscono e storie narrate ma anche per tutti quelli che credono che i sogni possano veramente diventare realtà” ha concluso Kenneth Feld ”Vogliamo che assistendo a questo spettacolo la gente si emozioni e lasci il teatro entusiasta e anche commossa!”

LE DATE:

  • dal 18 al 22 novembre al Palasharp di Milano
  • dal 25 al 29 novembre al Mandela Forum di Firenze
  • dal 2 al 6 dicembre al Palalottomatica di Roma
  • dall’8 al 13 dicembre al Palapartenope di Napoli


  • Finalmente in Italia il più spettacolare Musical di Broadway, una straordinaria storia d’amore e magia che ha emozionato più di 25 milioni di spettatori in tutto il mondo. Da ottobre a Milano.

    ”La Bella e La Bestia” è la storia senza tempo di un principe arrogante ed egoista, trasformato in orrida bestia da una fata, travestita da vecchia mendicante, a cui aveva rifiutato ospitalità per la notte. Per rompere l’incantesimo e riacquistare il suo vero aspetto, la Bestia dovrà imparare ad amare e a farsi amare, nonostante il suo aspetto mostruoso.

    Stage Entertainment, numero uno in Europa nella produzione di spettacoli dal vivo, porta in scena al Teatro Nazionale di Milano uno degli spettacoli di maggior successo della storia, un evento imperdibile allestito da grandi creativi internazionali ma con un cast tutto italiano, giovane e di talento. ”La Bella e La Bestia”, versione da palcoscenico dell’indimenticabile film d’animazione della Disney, è la combinazione perfetta di amore, commedia, musica e magia che ha commosso e divertito milioni di spettatori di tutte le età. Le musiche di Alan Menken, otto volte Premio Oscar, saranno eseguite dal vivo dall’orchestra. Il talento degli artisti, gli splendidi costumi e le scenografie spettacolari regaleranno al pubblico italiano una delle esperienze più emozionanti che si possano vivere a teatro.

    A fare da cornice allo spettacolo è il Teatro Nazionale di Milano che, dopo un radicale intervento di ristrutturazione, inizia una nuova e scintillante vita. L’ampliamento della torre scenica e del palco, l’acustica perfetta e la visibilità eccellente da ogni posto fanno di questo teatro il Tempio del Musical in Italia.

    Assistere a ”La Bella e la Bestia” è l’unico modo per vedere un vero spettacolo di Broadway senza muoversi dall’Italia!

    Lo spettacolo sarà in scena dal 3 al 31 ottobre 2009.



    06 18th, 2009

    In vendita dal prossimo 8 luglio:

    RACCONTI INCANTATI (DVD e Blu-Ray+DVD)

    SEMPLICEMENTE PAPERINO vol.3 (DVD)

    I MIEI AMICI TIGRO&POOH - LE SCOPERTE DELLA NATURA (DVD)

    LA CASA DI TOPOLINO - DETECTIVE MINNIE (DVD)

    LA CASA DI TOPOLINO - IL GRANDE TUFFO DI TOPOLINO (DVD)

    PAPERINO 75° ANNIVERSARIO (DVD)



    06 16th, 2009

    Disneyland Paris è il primo parco di divertimenti presente su Google Street. Lo scorso ottobre, sfruttando gli ultimi giorni di sole che illuminava il parco, Disneyland Paris ha aperto i cancelli presto al mattino per permettere all’auto di Google “Street View” di catturare alcuni momenti di “magia” da terra.



    Inoltre, grazie a Google Earth è possibile vedere uno straordinario modello in 3D del parco, davvero impressionante. Per la sua realizzazione sono state utilizzate più di 85000 fotografie (occupando 450GB) scattate nell’arco di 20 giorni. Solo il castello è costituito da 354 textures ricavate da oltre 2000 foto. Ci sono inoltre più di 500 unici elmenti paesaggistici che sono stati creati per rendere il parco il più realistico possibile.
    Ecco il trailer: